La danza di Deli (Ivan Vyrypaev, 2012)

3Il Festival Internazionale del Film di Roma sarà pure desideroso di avvicinarsi a una concezione popolana del cinema e dell’arte in senso generale, ma non ha mai vitato – per somma fortuna – di rivolgere l’attenzione anche a una concezione di ricerca cinematograficamente linguistica. Il che non vuol dire, naturalmente, assenza di contenuto. Anzi. Sulla soglia dell’edizione 2012, dalla Russia arrivava il bravissimo drammaturgo e regista (di estrazione teatrale, e si vede)  Ivan Vyrypaev con lo splendido La danza di Deli (Dehli dance), film costruito sulla base di sette cortometraggi mai, però, pensati come elementi separabili dal contesto, anzi obbligatoriamente assimilabili come un unico corpus narrativo (malgrado i normali e comprensibili rischi di frammentarietà) allo scopo di maturare, dentro, il reale senso concettuale che naviga ben oltre il film stesso. Con tanto di reiterati titoli di testa e coda per ogni episodio (a suon di minime differenze di grafica ludica), le sette storie vertono sempre e unicamente su una tematica di fondo: la capacità, più che altro la speranza vivamente attiva, di fare di ogni forma di tragedia, sia essa storicamente collettiva che intimamente personale, il fulcro principale dello sviluppo di sentimenti come bellezza, gioia e amore.

2Una famosa ballerina (interpretata dalla indovinatissima grazia di Karolina Grutszka, meglio nota al mondo intero come la “vera” protagonista di quello che, ad oggi, è l’ultimo lungometraggio firmato David Lynch, ovvero INLAND EMPIRE),  nonché inventrice di una danza letteralmente mozzafiato, le cui gesta derivano dalla trasformazione dei sentimenti di puro orrore provati da lei stessa nella fangosa realtà umana di Deli, cerca di spiegare ad un’amica, nell’unico luogo profilmico di una sala d’attesa ospedaliera, il motivo per cui, alla appena ricevuta notizia della morte della madre, non riesce a provare dolore, dimostrando l’effettivo risultato delle sue esperienze personali in termini di elaborazione interiore. Dato di fatto: assimilare questo elemento in maniera unicamente narrativa non serve assolutamente a niente, perché già a partire dal secondo episodio non tanto i ruoli quanto (appunto) per percezioni (che determinano le rispettive caratteristiche) dei singoli individui vengono invertite, anzi distribuite: la madre risulta non morta ma in fin di vita o cinicamente pessimista, la moglie di un amico (in tutto sono quattro i personaggi, più un quinto immaginario) suicida per la relazione tra questi e la danzatrice, l’amica prima addolorata per la morte della madre della danzatrice e poi capace di non provare dolore come la giovane in principio. E così via. Il fine principale di una messa in scena prettamente teatrale (ai limiti del Brecht più introspettivo immaginabile), dunque, è puramente extra-testuale e verte su argomenti talmente universali (come vita, morte, dolore, gioia, orrore, bellezza) da rischiare di essere fin troppo grande per la piccolezza inumana che azzanna le viscere di comportamenti, percezioni e riflessioni contemporanee.

1Ci si rende ovviamente conto che un simile argomento rischia, senza nemmeno troppe difficoltà di sorta (specie se si mette in gioco, a fungere da esempio degli esempi, uno dei dolori più laceranti della storia dell’umanità come Auschwitz, con tutta la sua inenarrabile dose di crudeltà demoniaca pura insita in quell’epoca), di compromettere, agli occhi di una critica globale mai così fredda come in questa barbaricamente arida epoca, forse la stessa reputazione legata all’autore in questione. Ciò che, invece, è da considerare in funzione primaria è una catarsi metadiscorsiva di cui il film, in sé, si fa portatore per azzardare (riuscendoci benissimo) il fondamentale tentativo di far riflettere, sì, ma non strappando lacrime o marchingegnando meccanismi da accademia per business pseudoartistico; bensì, offrendo all’essere umano nient’altro che sé stesso. Né più, né meno. Decodificare e, quindi, comprendere ma, più di tutto, vivere ciò che dalle parole (più che dalle immagini) di Vyrypaev fuoriesce e si innalza a vera e propria potenziale soluzione emotiva intergenerazionale, può voler significare comprendere la propria indole autodistruttiva per tamponare almeno qualcuno degli scempi sia fisici che morali trasformati nel tempo in amaro pane quotidiano.

Questa voce è stata pubblicata in cinema e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...